I siti Patrimonio dell’UNESCO in Slovenia - ASA Residence

I siti Patrimonio dell’UNESCO in Slovenia

La Slovenia è un luogo ricco di bellezze culturali e naturali. All’interno del Paese sono presenti ben cinque siti proclamati Patrimonio dell’Umanità UNESCO: si tratta di due ambienti naturali e di tre monumenti di interesse storico-culturale. Se state programmando una vacanza nel nostro territorio, conoscere questi luoghi vi permetterà di elaborare un itinerario ricco e corposo! Con questi presupposti andiamo a vedere quali sono i siti Patrimonio dell’UNESCO in Slovenia.

Ecco i tesori naturali sloveni!

Essere un bene iscritto nella lista dell’organizzazione delle Nazioni Unite significa possedere un estremo valore universale. Ognuno di questi beni si presenta come un riferimento essenziale non solo per il luogo in cui si trova, ma per l’intera umanità.

La Slovenia si impegna fortemente nella tutela delle proprie aree verdi, con un’attenzione particolare alla sostenibilità. Tra le meraviglie offerte dal territorio carsico troviamo foreste antiche, acque cristalline, angoli incontaminati e una biodiversità straordinaria. Due luoghi in particolare ci incantano per il loro valore, tanto da essere stati dichiarati beni Patrimonio dell’UNESCO in Slovenia:

  • Le grotte di San Canziano (Škocjan),
  • Le antiche foreste primordiali dei faggi.

Le grotte di San Canziano

Queste grotte sono un sito Patrimonio dell’UNESCO in Slovenia dal 1986. Vantano il canyon sotterraneo più grande d’Europa, con un’altezza massima di 146 metri. All’interno di una delle grotte è stato allestito un percorso lungo 6 km, con scalini e ponti. Grazie a questi ultimi è possibile ammirare le cascate naturali, le stalattiti giganti e le enormi sale. Attorno alle grotte si estende un parco naturale in cui si snodano piste ciclabili e sentieri didattici. 

Le antiche foreste dei faggi

Questo sito transnazionale è Patrimonio dell’UNESCO in Slovenia dal 2007. Si tratta di uno straordinario esempio di foreste di faggi non contaminate, che si sono sviluppate dopo la fine dell’ultima era glaciale. Queste foreste sono indispensabili per comprendere l’evoluzione del faggio. Tra le molte, annoveriamo le due riserve forestali Pragozd Krokar e Snežnik-Ždrocle.

I siti culturali dichiarati Patrimonio dell’UNESCO in Slovenia

La Slovenia non si presenta solo come una culla di meraviglie naturali: conquista per la cultura che offre e la storia che racconta. Come anticipato, in questo caso sono ben tre i siti culturali inseriti nella lista dei beni dichiarati Patrimonio dell’Umanità:

  • Le palafitte preistoriche,
  • Idrija,
  • Le opere di Jože Plečnik.

Le palafitte preistoriche attorno alle Alpi

Nella palude attorno a Lubiana sono state scoperte circa 40 località con i resti delle palafitte. Queste tracce consentono di comprendere la vita alpina durante il Neolitico e l’Età del Bronzo e le modalità con le quali le comunità interagivano con il loro ambiente. Nove di questi siti sono diventati dal 2011 parte della lista del Patrimonio dell’UNESCO in Slovenia. 

Idrija e il mercurio

Idrija, insieme alla città spagnola di Almaden, è custode delle tradizioni di estrazione del mercurio. È diventata Patrimonio dell’Umanità nel 2012 ed è da sempre un’eccezionale testimonianza dell’importanza del commercio intercontinentale di mercurio. Questo luogo comprende negozi e infrastrutture, diverse abitazioni e un teatro: tutti luoghi destinati ai minatori che risiedevano e lavoravano nel territorio.

Le opere di Jože Plečnik a Lubiana

Il lavoro svolto dall’architetto Jože Plečnik a Lubiana, tra la prima e la seconda guerra mondiale, è un esempio di progettazione urbana centrata sull’uomo. Questo progetto ha cambiato l’identità della città dopo la dissoluzione dell’impero austro-ungarico. Queste opere sono diventate parte del Patrimonio dell’UNESCO in Slovenia nel 2021. Tra le parti più importanti del cambiamento urbano ci sono le strutture architettoniche sull’asse dell’acqua e della terraferma, in cui spiccano il mercato principale, il triplice ponte Tromostovje e la biblioteca nazionale.

Volete visitare i siti Patrimonio UNESCO in Slovenia?

Se avete risposto di sì, non vi resta altro da fare che programmare il vostro prossimo viaggio ed elaborare un bell’itinerario. Per il vostro soggiorno potrete approfittare delle soluzioni offerte dall’ASA Residence: vi proponiamo diverse opzioni di alloggio in una location circondata dai panorami carsici. La nostra villa privata fu costruita nel 1784 ed è stata restaurata nel 2013 con l’aiuto di architetti sloveni, italiani e svizzeri. Abbiamo creato uno spazio per chi ama la riservatezza, la tranquillità e il contatto con la natura. Il nostro podere di 750 mq è circondato da 3000 mq di giardino carsico… Insomma, vi proponiamo il luogo perfetto per riposarvi dopo una giornata passata ad ammirare i siti Patrimonio dell’UNESCO in Slovenia!

Post correlati